IL CREW RESOURCE MANAGEMENT

L’IMPORTANZA DELLA COMUNICAZIONE
Febbraio 1, 2019
corso mediatore immobiliare Roma
MEDIAZIONE TIPICA ED ATIPICA – NUOVI SVILUPPI PER UNA PROFESSIONE IN CONTINUA EVOLUZIONE
Febbraio 4, 2019

IL CREW RESOURCE MANAGEMENT

Lo scopo del Crew Resource Management è quello di ottimizzare le risorse a disposizione dell'uomo al fine di massimizzare l'efficienza e la realizzazione dei propri obiettivi. Nasce e si sviluppa in contesti che lavorano con la finalità della sicurezza, principalmente in ambito aeronautico, ma essendo un tipo di addestramento volto a sviluppare la consapevolezza delle proprie risorse e dei propri limiti umani, si presta facilmente a tutti quegli ambiti in cui l'uomo è chiamato a fare leva sulle proprie capacità, competenze, esperienze, abilità sociali e comunicative... Il training transfer di questi moduli non mira infatti all'acquisizione di abilità tecniche, bensì si snoda intorno a tutte quelle "non-technical skills" che come esseri umani ci rendono così speciali, ma di cui spesso non siamo consapevoli. O forse semplicemente non conosciamo gli strumenti adatti ad usare le nostre capacità. In una parola "training for attitude", il cui fine ultimo è quello di valorizzare il nostro capitale umano nel contesto lavorativo e, perché no, nella nostra vita in senso più ampio.

...non basta sapere e saper fare, bisogna sapere di saper fare...

Consapevolezza di sé, comunicazione assertiva, leadership naturale, teamworking, gestione dell'errore, critica e autocritica, problem solving, risk assessment, PNL... sono solo alcuni degli argomenti che tratteremo nei nostri incontri. A volte, come ci ricorda Einstein, basta essere consapevoli dei nostri limiti per poterli superare, così come essere consapevoli delle nostre risorse ci rende senza meno più capaci.

Quindi non basta sapere e saper fare, bisogna sapere di saper fare e in qualche modo saper essere. In sostanza quello che vi proponiamo è un percorso di "continuos learning" per chi, nonostante possa contare su esperienza e capacità, vuole consolidare le proprie potenzialità e scoprirne di nuove. I moduli avranno un'impronta di aula basata sul confronto e l'interazione, con quella che viene definita tecnica della facilitazione. L'obiettivo formativo diventa così occasione esperienziale, un viaggio introspettivo alla scoperta dei nostri punti ciechi, per migliorarci e soprattutto per migliorare i nostri goals professionali, attraverso una nuova consapevolezza di noi. Insomma un upgrade delle nostra capacità umane, che risvegliera' la nostra voglia di fare, ma soprattutto di essere e di conoscerci.

Dott.ssa Antonella Capurso



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *