L’IMPORTANZA DELLA COMUNICAZIONE

LE PROCEDURE TECNICO-AMMINISTRATIVE
Maggio 8, 2014
IL CREW RESOURCE MANAGEMENT
Febbraio 1, 2019

L'IMPORTANZA DELLA COMUNICAZIONE

Quante volte vi sarà capitato di voler dire una cosa e di essere percepiti in modo completamente opposto? Come possono gli altri avermi così tanto frainteso? E se fossi invece io a non riuscire a vedere come sono? L'idea che ho di me non equivale a quello che gli altri percepiscono di me. Di questo effettivamente potrei decidere di non dovermi crucciare, affari loro. Ma se la mia interazione comunicativa inficia la realizzazione dei miei obiettivi professionali, forse vale la pena che io inizi a lavorare sui miei punti ciechi. Se ad esempio sono un agente immobiliare e devo acquisire un immobile da un cliente, ho bisogno di entrare in punta di piedi nel suo universo, fatto di ricordi e di valori estremamente soggettivi.

Devo farlo con tatto ed empatia, ma allo stesso tempo devo poter condurre quella trattativa esattamente dove voglio io. Devo arrivare con le mie parole là dove voglio arrivare, senza potermi permettere fraintendimenti e riuscendo in un tempo estremamente breve a sedurre, a convincere, a creare una fessura nelle radicate convinzioni dell'altro. To lead, condurre. Quindi la Leadership non è altro che la capacità di portare gli altri al mio obiettivo. Ma non c'è leader senza follower e se quindi non saprò tenere in considerazione i bisogni e le potenzialità dell'altro, non riuscirò nel mio scopo. La Leadership è sicuramente una capacità innata, per questo si parla di Leadership naturale. Eppure può essere esercitata e potenziata, attraverso lo sviluppo della comunicazione assertiva, ad esempio, strategia che mi consente di affermare me stesso senza prevaricare l'altro. Essere leader di quella trattativa mi permetterà di finalizzare i miei obiettivi e perché no anche di realizzare i desideri di altri.

Per riuscire a trascinare gli altri devo poter essere credibile, essere percepito come competente e quindi affidabile, riuscire ad essere in sintonia con il mio interlocutore, partecipando emotivamente al suo problema. Forse invece di provare a parlare potrei ascoltare e magari fare altre domande e darmi il tempo di capire chi ho davanti. Posso contemporaneamente soddisfare il suo bisogno e realizzare il mio obiettivo, se sarò assertivo e se sarò un buon leader. C'è molto più di quanto si possa immaginare da fuori in un agente immobiliare e dal momento che ha l'onere e l'onore di trattare il nostro bene più prezioso, la casa, è ora di valorizzare questa figura professionale. Chi si avvale di una consolidata esperienza in questo ambito, ha bisogno di continuare a formarsi come professionista, così come chi non ha ancora tutta la competenza necessaria non può contare sull'improvvisazione. Il training come investimento su se stessi è la risposta per iniziare a valorizzare le proprie competenze, amplificando le proprie potenzialità.




tags/key:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *